Corridoio del Chiostro

› Biografia
Edoardo Pisano nasce ad Avellino il 23 luglio 1944 e presto, nel 1953, segue la famiglia a Napoli dove studia e coltiva il suo innato interesse per l’Arte.
Studia e si diploma all’Istituto d’Arte Palizzi, quindi si iscrive all’Accademia di Belle Arti che frequenta per un biennio. Con il maestro Domenico Spinosa segue il corso di Nudo.
Diventa presto docente in materie artistiche nelle scuole secondarie e allo stesso tempo inizia a partecipare alle prime collettive condividendo con amici e artisti gli ideali progressisti che animavano gli anni post-sessantottini; fa parte, perciò, della POP-ART, gruppo ideato da Luca Castellano, e diventa attivista nelle fila giovanili della FGCI quindi iscritto al PCI, non perdendo mai di vista, nell’elaborare il personale linguaggio artistico ricco di metafore animate, i contenuti degli ideali politici che corrispondono, anzi aderiscono perfettamente e senza fratture, alle sue scelte di vita privata.
Coraggioso nell’affrontare il cambiamento decide di lasciare Napoli, la città che ama, per migliorare la qualità di vita per tutta la sua famiglia. Sua meta è la Toscana, e nella bella, colta e serena Val d’Orcia si radica, nel 1984, continuando il suo impegno di insegnante di Storia dell’Arte nel liceo scientifico “Antonio Sangallo” di Montepulciano. Accettato ed apprezzato come docente e come artista, non tarda ad esporre anche a Montepulciano e ad Arezzo, intraprendendo inoltre un percorso che lo vede impegnato su di un nuovo fronte: quello imprenditoriale.
Alla ricerca di luoghi aperti, di spazi che non costringano a fermare l’occhio sul muro vicino ma a poter allungare lo sguardo nella natura fino a cercare l’infinito, ristruttura a sistema ricettivo alcune preesistenti a carattere rurale di un podere, affacciato sulla valle e vicino a una fonte che dà il nome alla sua proprietà: Fonte Bertusi. In questo magico spazio, immersi nella natura, gli ospiti hanno la sorpresa di notare, sparsi tra gli alberi da lui piantumati, oppure di Land-Art da lui rianimati “ad arte”.
Benvenuti sono gli artisti e i musicisti che spesso animano le serate degli ospiti, durante alcuni periodi dell’anno, dedicate all’ascolto di nuove melodie.

Opera esposta nel Museo

› Biografia
Nasce nel 1907 nella campagna di Rignano sull’Arno (FI). Più di cento sono le mostre dedicate alla sua opera in Italia e all’estero e nel 2003 anche un calendario monografico con una tiratura di 35.000 copie.
Nel 2004 riceve la medaglia d’argento della Regione Toscana come riconoscimento al suo operato d’artista. La sua opera rappresenta il punto d’incontro tra la pittura toscana di fine Ottocento e i fermenti culturali del post-impressionismo francese.
Migliorini può definirsi un pittore eclettico, poiché nelle sue opere si leggono echi dell’impressionismo, del classicismo, del cubismo, nonché il recupero del Quattrocento toscano.
Nella sperimentazione di ognuna di queste diverse correnti artistiche, trae ciò che è più congeniale alla sua arte, elaborando un linguaggio del tutto personale. Muore a Contea (FI) il 18 febbraio 2005.

Opere esposte nel Museo

› Biografia
Nato nel 1975 a Napoli, si laurea con lode nel 2001 in lettere indirizzo storico-artistico e conservazione dei beni culturali e si laureato con lode in pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli.
L‘Artista, così come raccontano i suoi lavori, è figlio di un’epoca strizzata nel presente come dentifricio in un tubetto ormai traboccante, la terra è un luogo comunque piccolo e, quindi, per questo non basta a contenere il grido di terrore e di bellezza, che le sue opere sembrano cantare a chi guardandole comincia ad ascoltare.
Tra le esposizioni collettive si citano: Artisti della Transavanguardia di Londra (2004) e C’arte in luogo della superficie cartacea presso l'Accademia di Belle Arti di Napoli (2005). Tra le sue più recenti personali: Follia o vagare di dolci euforie presso la Soprintendenza archivistica per la Campania (2006), Recent Past all'Associazione Multiarte di Napoli (2008) e La terra è un luogo comunque piccolo all'Associazione Culturale Il Convivio di Napoli (2011).

Opera esposta nel Museo

› Biografia
Nato a Giugliano (NA) nel 1934, frequenta l’Accademia di Belle Arti di Napoli, diplomandosi in scultura.
La sua attività espositiva ha inizio nel 1955, con la partecipazione al Premio Gemito, per poi proseguire con la partecipazione alla Quadriennale Nazionale d’Arte di Roma nel 1959 e nel 1963.
Proprio nel corso di questi anni inizia a sperimentare l'utilizzo di materiali alternativi, tra i quali la gommapiuma. Alla fine degli anni Settanta è impegnato con il gruppo Laboratorio Tre, con il quale prende parte a numerosi incontri e performance. Nel 1988 viene invitato alla Biennale del Sud, ospitata dall'Accademia di Belle Arti di Napoli, ed alla mostra Napoli Scultura presso il Palazzo Reale di Napoli. Nel 1991 e ancora nel 1998 espone a Stoccolma prima nella mostra The Modernity of Lyrism, presso la Gummesons Konstgallery e poi in Aree mediterranee al Medalhavs Museet. Del 2000 è la personale allestita presso la Chiesa di San Francesco a Como; al 2007 risale, invece, la personale presso la Galleria Franco Riccardo di Napoli.

Opera esposta nel Museo

› Biografia
Nato nel 1910 a Chieti, si diploma presso il Liceo Artistico di Firenze, dove in seguito frequenta la scuola del nudo e i corsi di anatomia all’Accademia di Belle Arti.
Dopo aver esposto, giovanissimo, alle prime mostre sindacali di Sassari e Cagliari, nel 1930 si trasferisce a Firenze, dove risiede ed opera.
Dal 1930 al 1943 prende parte, con opere di pittura e di disegno, a tutte le regionali sindacali fiorentine; in particolare, partecipa alla prima Internazionale d’Arte Sacra di Padova nel 1931-1932 e alla prima Sindacale Nazionale di Firenze e di Napoli nel 1937. Tra i riconoscimenti ottenuti va ricordato il Premio Nazionale d’Arte Contemporanea a Padova nel 1964.
Muore nel 1986.

Opera esposta nel Museo

loghi_por.jpg